15 Febbraio 2018 Acquari, rumori e acustica

Acquari, rumori e acustica

Ma i rumori danno fastidio ai pesci nella vasca oppure sono isolati?

Questa è una domanda che poco spesso la gente si pone quando dispone l’acquario in appartamento. Un po’ mi sono informato è un po’ conosco la logica delle propagazione e talvolta amplificazione delle onde sonore in un ambiente e nell’acqua. Diciamo che di primo acchito non consiglierei di posizionare un’acquario proprio a ridosso del sistema pro sound con tanto di subwoofer che abbiamo orgogliosamente acquistato per ricreare dal vero Apocalipse Now nel nostro home cinema. Certe frequenze hanno una forte penetrazione anche attraverso i vetri e l’acqua e quindi se proprio non possiamo fare a meno di spostare la vasca dobbiamo cercare di isolarla il più possibile dall’ambiente circostante. Lo stesso discorso vale anche per i rumori, che al contrario, produce l’acquario, tipicamente prodotti dalle pompe del filtro, dalle pompe di movimento, dalle pompe di risalita, fondamentalmente a causa delle vibrazioni.

Innanzitutto sarebbe utile isolare il fondo della vasca dal mobile sulla quale è collocata, ci sono molti materiali adatti, ad esempio a base di silicone con una certa elasticità, oppure porosità, come questi tipi di tappetini isolanti. In alternativa più economicamente potrebbero essere sufficienti certi tappetini da palestra o da trekking.

Ovviamente è anche utile isolare il mobile dell’acquario: se la cassa acustica è collocata sullo stesso mobile in cui è collocata la vasca, anche a distanza, ci sarà qualche problema in più. Sospendiamo la cassa con specifici attacchi a muro, oppure mettiamo gli stessi tipi di tappetini tra il mobile e la cassa.

E poi i rumori causati dalle pompe. Uno dei motivi della brevità della mia esperienza marina è proprio il non aver isolato a sufficienza la pompa di movimento, che trasmetteva le vibrazioni alla sump e quindi al mobile. Anche il filo con il quale le pompe fuoriescono dall’acqua trasmettono vibrazioni, e quindi toccando con altri oggetti, ad esempio il bordo in vetro della vasca o il mobile, genera rumore continuo. La prima cosa da fare è isolare il più possibile la pompa (quelle più belle hanno già dei sistemi anti vibrazione). Ad esempio nel mio filtro interno ho posto della lana di perlon intorno alla base del filtro, per creare un cuscinetto e ridurre la propagazione delle vibrazioni. Dovrò ancora sistemare un anello di gomma o di silicone intorno al filo nel punto in cui appoggia sul vetro per uscire dalla vasca.
Per le pompe di movimento, tipicamente installate negli acquari marini per simulare le onde, avremo la vibrazione sul vetro e la propagazione attraverso il filo. Su modelli di qualità esistono già sistemi di sospensione, anti vibrazione, faccio l’esempio delle pompe Tunze, azienda tedesca famosa in tutto il mondo;  per esperienza personale sono davvero silenziosissime in proporzione alla mole di acqua che spostano.
Ultima nota sulle pompe di risalita. Vengono utilizzate tipicamente quando si utilizza una vasca supplementare dove inserire la tecnica, denominata sump. La vasca principale avrà dei fori per lo scarico e il carico d’acqua, e la vasca supplementare, una volta filtrata l’acqua in base al metodo usato dovrà rimandare alla vasca principale l’acqua trattata. Spesso queste pompe di risalita devono avere un’ampia portata (ovvero i litri all’ora di acqua che riescono a spingere) e, in base all’altezza che devono raggiungere verso l’alto anche una certa prevalenza, misurata in metri o centimetri. Indubbiamente producono molte vibrazioni e di conseguenza un rumore sordo che si diffonde ovunque. Utilizzare dei tappetini in silicone come questi o quelli utilizzati per la cucina, potrebbe dare un ottimo risultato, come ci fa vedere un acquariofilo nel suo videoclip.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.