Quali tipi di pesci posso inserire in un nano reef?

Questa è la domanda che mi sono fatto anch’io quando allestito la mia prima vasca marina, una vasca molto piccola di circa 50 litri, nella quale avevo inserito una decina di chili di rocce vive e con la tecnica (tra cui una pompa di movimentoTunze Nano Stream 6015, riscaldatore e skimmer Tunze 9001 ) inseriti direttamente nella vasca. Quindi con uno spazio molto ridotto.

Diadema Setosum

In realtà la cosa che ho capito avendo un acquario marino è la bellezza dell’ambiente che viene a crearsi e della microfauna che si sviluppa che è da sola di per sé molto bella da vedere ed è ancora più bella quando si inseriscono i primi invertebrati e crostacei.

La mia vasca ad esempio è stata popolata per molto tempo solamente di un lysmata debelius e un riccio Diadema setosum due turbo lumache e un granchio.

Il mio Lysmata debelius

Vedere nella mia vasca già solamente la bellezza del mio gamberetto lysmata e i suoi colori mi dava un’immensa gioia. Quindi dal mio punto di vista la cosa principale è creare prima di tutto un bell’ambiente, un bello scenario, occuparsi dei valori dell’acqua e poi capire se e quali pesci inserire in base alle dimensioni della vasca. Nel mio caso completai l’acquario con una coppia di Amphiprion ocellaris conosciuti meglio come pesci pagliaccio, quelli del film Alla ricerca di Nemo. Sono pesci che non hanno bisogno di troppo spazio, ma vivono bene in coppia, infatti non si lasciano quasi mai.

L’importante è farsi consigliare dal negoziante di fiducia o dalla moltitudine di gruppi su Facebook dedicati all’acquariofilia. Ve ne segnalo uno, Acquario Marino By Acquaportal che è tra i più seguiti in Italia sul tema specifico dell’acquariofilia marina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *