text

Acquario di acqua dolce
Tipologia acquario: Acquario di comunità

Ho iniziato a realizzare questa vasca a settembre 2019. Ho pensato da subito a un caridinaio, ricco di vegetazione e di nascondigli, con un fondo ghiaioso e nessun tipo di fertilizzante o utilizzo di CO2. Per far questo ho utilizzato piante che non ne avessero necessità, come l’anubias nana e muschio di java. Successivamente ho inserito semi per pratino, molto resistenti, e della riccia fluitans galleggiante, per ombreggiare l’ambiente sottostante dato che alle caridine non piace l’illuminazione intensa e poi perché riduce la formazione di alghe sia per la minor luce e sia per l’assorbimento di scarto. Qualche alga si è formata a pennello verde sui legni e qualche filamentosa compare ogni tanto, ma in quantità limitata. E soprattutto credo che renda l’acquario più naturale.

Utilizzo acqua d’osmosi arricchita da sali della Sera. E cambio l’acqua ogni 45 giorni circa, per un 30%.

3 invertebrati: Caridine Red Cherry

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.