06
Ago 2020
Raffreddare l’acqua dell’acquario d’estate

Raffreddare l’acqua dell’acquario d’estate

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading...

L’estate arriva e puntualmente il termometro dell’acquario sale inesorabilmente.

Mi sono sorpreso, ma se in casa abbiamo 28,2 gradi, poco per volta anche nella vasca arriveranno 28,2 gradi. Non si scappa. Bisogna agire.

Innanzitutto non tutte le specie vegetali o animali vivono il rialzo di temperatura allo stesso modo. Alcune lo patiscono meno di altre, ma in ogni caso col caldo il livello di ossigeno diminuisce e l’adattamento fisiologico di ogni essere vivente muta. E comunque in una vasca non è come in natura, dove ci sono correnti di acqua più fresca dove i pesci possono trovare refrigerio. Le vasche piccole si scaldano più in fretta ma sono anche più facilmente raffreddabili. 

La cosa più importante è evitare gli sbalzi di temperatura repentini. Per questo motivo dimentichiamoci di buttare ghiaccio o bottiglie di plastica ghiacciate in vasca. Per raffreddare l’acqua si può procedere fondamentalmente tre modi: usare un aeratore, utilizzare un refrigeratore/climatizzatore oppure ventole di raffreddamento a pelo d’acqua. Intanto se la vasca non ha lampade integrate nel coperchio è bene scoperchiarle e tenerle aperte nel periodo di maggior calore estivo.

Aeratore

Ossigenare l’acqua attraverso un semplice ed economico aeratore può essere utile in caso di piccole vasche che stanno in stanze che non raggiungono temperature troppo elevate. Anche tenendolo acceso solo nelle ore più calde e quando la lampada è accesa. E’ ovvio che si tratta di un trattamento leggero che non può far scendere di molto la temperatura, e occhio a non tenere troppo acceso l’aeratore in quanto può creare squilibri per quanto riguarda il valore del pH aumentando la presenza di ossigeno. Meglio usare un temporizzatore se non si ha a disposizione un sistema di misurazione in tempo reale del pH.

Refrigeratore

In questo caso si tratta di utilizzare dei veri e propri mini climatizzatori dove attraverso una serpentina l’acqua passante si raffredda. Nella maggior parte dei casi lo strumento raffredda soltanto, ovvero occorre abbinare una pompa oppure un filtro esterno. E’ una soluzione costosa (il prezzo per un apparecchio di marca e per un litraggio medio si aggira intorno ai 400-500 euro), leggermente rumorosa, ingombrante, ma è anche quella che permette un controllo più preciso e costante della temperatura dell’acqua. E laddove si siano fatti grandi investimenti per un acquario, dalla tecnica al vivo presente in vasca, questo è un accessorio indispensabile. Con questa soluzione si riesce anche a scendere di 5-6 gradi rispetto alla temperatura esterna, ovviamente va comprato un clima con una potenza sufficiente a raffreddare i litri complessivi della vasca.

Ventole

L’utilizzo di ventole a pelo d’acqua permette di sollecitare l’evaporazione dell’acqua più calda di superficie. Solitamente è un operazione che funziona meglio con vasche aperte e di dimensioni limitate. Anche le ventole se non sono di buona qualità possono creare un rumore fastidioso. Ci sono ventole adatte agli acquari oppure si possono utilizzare soluzioni fai da te.

Ci sono tre modi per azionare le ventole: manualmente, con un timer meccanico o elettronico oppure attraverso un termostato elettronico che, misurando in tempo reale la temperatura dell’acqua, può azionare la ventola. Molti di questi apparecchi hanno la possibilità di collegare sia le ventole e sia il riscaldatore, gestendo anche in autonomia l’eventualità di picchi di freddo e caldo soprattutto durante le stagioni intermedie.

Qui vi spiego cosa ho fatto io per la mia vaschetta di acqua dolce da 46 litri netti con coperchio originale (60x30x30h).

Max Schiro
Author: Max Schiro

Sono acquariofilo con le mani in pasta dal 2010 e ho scoperto che un po' come tutte le passioni va coltivata da un lato non smettendo mai di leggere, documentarsi e imparare dagli esperti e dall'altro sperimentando da soli, mettendo in pratica la teoria e accrescendo la propria esperienza personale. Iniziando dagli allevamenti più semplici nel rispetto degli animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.